L'estate a Rivalta per i giovani

Mary

Redattore
5 Febbraio 2021
3
0
Ambiente, sostenibilità, tecnologia, e cura del territorio: sono questi i temi attorno cui ruotano i progetti dedicati al protagonismo giovanile della città di Rivalta di Torino.
Sono temi a cui teniamo particolarmente e per questo vi invitiamo a prendere parte alle due principali iniziative curate dalle Cooperative O.R.S.O. e Atypica e cioè Restate Attivi e Rigenerazioni Urbane.
Passeggiando per Rivalta vi sarà capitato di vedere le "panchine d'artista" e altri arredi urbani colorati e abbelliti. Sono questi gli interventi pensati e fatti dai ragazzi che hanno partecipato a Restate Attivi negli anni passati, con il duplice obiettivo di prendersi cura del proprio territorio, rendendolo un po' più bello, e di lanciare un messaggio: l'importanza di rispettare l'ambiente. Non solo interventi sull'arredo urbano, ma anche momenti formativi sui temi legati alla sostenibilità, al bene comune e all'attualità.
Sulla stessa lunghezza d'onda il progetto Rigenerazioni Urbane, con la differenza che durante la settimana di progetto si parlerà di temi legati alle nuove tecnologie, alla comunicazione e alle nuove dipendenze.
Entrambi i progetti, inoltre, prevedono per i ragazzi che partecipano un riconoscimento in buoni acquisto spendibili presso gli esercizi commerciali convenzionati.

Se siete interessati a prendere parte a queste importanti iniziative cliccate al link qui sotto e iscrivetevi!

Rigenerazioni Urbane (per ragazzi dai 18 ai 29 anni): http://www.comune.rivalta.to.it/attivita/progetti/rigenerazioni-urbane-2021.
Restate Attivi (per ragazzi dagli 11 ai 17 anni): http://www.comune.rivalta.to.it/progetti/r-estate-attivi-2016.
 

Chi siamo?

  • Vi trovate in uno spazio atipico in cui alcuni ragazzi si sono riuniti per dare forza al loro pensiero creativo. È uno spazio in cui si può trovare un po’ di tutto: consigli di lettura, cinematografia, notizie, musica, sport e in generale cultura. È uno spazio in cui gli scrittori imparano insieme ai lettori, perché nessuno di noi è un giornalista o un blogger professionista, ma siamo tutti accomunati da intraprendenza e curiosità. Kultiplaza nasce in un momento di grande sconforto per tutti, la pandemia da COVID-19, per dare speranza e un po’ di respiro. Nasce per dire che il pensiero non si può chiudere in una stanza, davanti a un computer, ma ha bisogno di relazione: la sua linfa vitale è il continuo confronto con una realtà che cambia, fatta di concerti, di biglietti per il cinema, di partite a calcetto, strette di mano e campi aperti. I ragazzi, che ora fanno surf tra didattica a distanza e incertezza per il futuro, hanno deciso di dedicare un po’ del loro tempo e del loro impegno a questo progetto, mettendosi in gioco in un’esperienza di formazione e regalando ai futuri lettori pillole di cultura, della loro cultura. Forse il blog non è uno strumento innovativo, sappiamo che ogni giorno nascono e muoiono moltissimi blog, ma crediamo fortemente nel pensiero: uno spazio di cultura, aperto a tutti, in cui i ragazzi hanno la possibilità di dare forza alla loro voce, imparando da loro stessi e da chi li seguirà in questo viaggio. Se ti può interessare far parte della redazione sentiti libero di contattarci.